Storia di Salerno I

Età antica e medievale

A cura di Angela Pontrandolfo, Amalia Galdi

Storia di Salerno
2020, 362 pp., con illustrazioni in b/n
Brossura
ISBN: 9788855250481

€ 25,00
  • Aggiungi al carrello Aggiungi al carrello Aggiungi al carrello
Sinossi

La storia della città non è solo un particolare ambito della ricerca storiografica, ma è anche e soprattutto il luogo per eccellenza dove si concentrano una serie di funzioni che riguardano gli aspetti fondamentali dell’essere storico dell’uomo. La città – quale che sia la sua tipologia, dal villaggio delle capanne alle roccaforti medievali (e Salerno ne è un esempio con le sue mura e il suo castello), dalla città moderna a quella postmoderna e avveniristica – diventa il luogo a partire dal quale si organizzano le forme dell’autoconservazione e della difesa dal nemico esterno. Ma è anche il luogo nel quale si manifestano i primi culti religiosi e le prime esperienze dell’agire politico, le prime manifestazioni dell’arte poetica ma anche le forme elementari dello scambio e del mercato. Quel che certamente è possibile affermare è che essa ha cercato di ispirarsi a quelle motivazioni storiografiche, teoriche e metodologiche, all’inizio richiamate. Prima fra tutte, la consapevolezza che un’opera generale di storiografia se vuole seguire, pur senza la pretesa di esaurirlo in ogni suo segmento, l’intero tragitto cronologico attraverso il quale la materia storica presa in esame si dispone e se vuole, altresì, analizzare e descrivere questa materia con l’ausilio di concorrenti ambiti disciplinari (la storia politica e quella sociale, la storia delle idee e la storia dell’arte, l’urbanistica e l’economia, la sociologia e l’antropologia, la demografia e la geografia, la statistica e la storia letteraria), non può più affidarsi a un’unica, quand’anche efficacissima e riconosciuta, personalità di studioso. Abbiamo perciò chiesto a 55 studiosi di scrivere 60 contributi volti a indagare e raccontare la storia della città alla luce delle rispettive competenze, delle diverse prospettive diacroniche e sincroniche e delle diverse metodologie disciplinari.


Età antica a cura di Angela Pontrandolfo

Carmine Pellegrino, Il popolamento del territorio di Salerno dalla preistoria all’età arcaica
Angela Pontrandolfo, Dagli Etruschi ai Sanniti
Luigi Vecchio, La colonia romana dalla fondazione all’età imperiale
Fausto Longo, Salerno: una città romana tra percezione e realtà
Renata Cantilena, Usi monetari nel Salernitano tra Greci, Sanniti e Romani


Età medievale a cura di Amalia Galdi

Chiara Lambert, La città tardoantica e altomedievale
Mario Dell’Acqua, Paolo Peduto, Note sul paesaggio storico e sull’origine della turris maior di Salerno
Rosa Fiorillo, Una città sulla città. L’apporto archeologico alla conoscenza dell’abitato medievale
Antonio Tagliente, I principi longobardi (secoli IX-XI)
Bruno Figliuolo, Salerno normanna e sveva
Francesco Senatore, Salerno angioina e aragonese
Alessandro Di Muro, Economia e mercati (secoli VIII-XIV)
Alfredo Maria Santoro, Zecca e monetazione
Mario Loffredo, Le istituzioni religiose: vescovi e diocesi, monasteri e conventi
Corinna Bottiglieri, Cultura e letteratura
Iolanda Ventura, La Scuola Medica Salernitana
Antonio Braca, La dimensione romanica e mediterranea degli avori medievali salernitani
Giuseppa Z. Zanichelli, Pittura e miniatura
Maddalena Vaccaro, L’architettura e la scultura
Maria Galante, Giuliana Capriolo, Scrittori e scritture
Amalia Galdi, Culto dei santi e identità cittadina