Stella Cervasio, Alessandro Vaccaro

Grand Central dream

Viaggio nella stazione di New York tra arte, cinema e letteratura

Orsa maggiore
2021, 172 pagine, volume illustrato da Giuseppe Cuccurullo
ISBN: 9788855250818

€ 14,00 - Novità
  • Aggiungi al carrello Aggiungi al carrello Aggiungi al carrello
Sinossi

Grand Central Terminal, a New York, è la stazione con più binari al mondo. Un luogo della mente, un riferimento per l’immaginario collettivo. Lo incontriamo nei best seller e nei romanzi di autori esordienti, nei capolavori del cinema e nelle pellicole meno note. Come in un gioco di specchi, libri e film rinviano a una realtà diversa da quella che conosciamo: un portale, che immette nel cuore di un sogno.
Ogni parte dell’edificio, inaugurato nel 1913 come struttura erede di Grand Central Depot, nato nel 1871, e di Grand Central Station, nel 1900, oltre a essere un richiamo alla storia e alle storie dell’arte, rimanda a racconti di vite sospese tra la quotidianità e una visione larger than life. Si parla del primo monumento che ha avuto un compito fondamentale: aprire gli occhi agli americani sul problema della tutela dei beni culturali.
Grand Central Terminal è una cosa e il suo contrario. È micro e macro: uno dei pochi luoghi di Manhattan dove, date le dimensioni, ci si potrebbe perdere. In chi vede e in chi descrive la stazione, il senso dello spazio e del tempo cambia. Il segreto del suo successo? È il viaggio: la chiave di volta per l’irrazionale, l’elemento che muove la mitologia a stelle e strisce, che da un viaggio ha origine e verso l’infinito oltrefrontiera tende e va.

Allegati
  • Leggi il primo capitolo Leggi il primo capitolo Leggi il primo capitolo